Qui troverete le risposte alle domande più frequenti riguardanti i nostri prodotti e servizi.

Informazioni Generali

In linea di principio ovunque lo ritenete necessario. I moderni impianti sono estremamente flessibili e possono essere configurati e comandati in modo personalizzato. Anche le installazioni esterne sono possibili senza problemi grazie agli alloggiamenti resistenti agli agenti atmosferici e dotati di riscaldamento integrato.

Viene suggerita un’installazione delle telecamere a un’altezza adeguata dal pavimento per evitare manipolazioni non autorizzate. Se ciò non fosse possibile, è consigliabile impiegare telecamere dome protette contro gli atti vandalici e dotate di alloggiamenti robusti e resistenti agli urti.

Sapere sempre cosa succede nella vostra azienda è un vostro diritto. Dovete informare i vostri dipendenti dell’installazione della telecamera. Nei negozi deve essere affisso un apposito avviso sulla porta d’ingresso. Determinati locali, come ad esempio le toilette, sono ovviamente escluse dalla sorveglianza per tutelare la privacy delle persone.

In un moderno sistema di videosorveglianza basato su PC possono essere collegate sia le vostre vecchie telecamere analogiche sia le nuove telecamere di rete digitali. Ciò vi consente di limitare i costi di investimento e di non smontare i vostri vecchi apparecchi. Un tale “sistema ibrido” è comunque sicuro e valido in futuro.

I sistemi di trasmissione sono preferibili laddove non è possibile o non auspicabile allestire un sistema cablato. La trasmissione dei dati avviene senza costi nella banda radio HF a 2,4 GHz o 5,8 GHz. I sistemi di alta qualità garantiscono campi radio fino a 2.200 metri in aree esterne e fino a 125 metri in ambienti interni (in situazioni ottimali). Possono essere collegati in parallelo fino a nove radiotrasmettitori all’interno di un immobile.

Videosorveglianza e privacy

Si rammenti che questo è un tema molto delicato, che incontra, prima dei limiti sanciti dal Codice della privacy, i divieti imposti dallo Statuto dei lavoratori.
L’art. 4 della legge 300/1970, infatti, vieta l’uso di impianti audiovisivi e di altre apparecchiature per finalità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori.
Tali strumenti sono permessi solo se resi necessari da esigenze organizzative e produttive ovvero di sicurezza, ma anche in presenza di queste situazioni, sul punto deve intervenire uno specifico accordo con le rappresentanze sindacali.
Non c’è, dunque, in questo caso un divieto assoluto all’installazione, ma comunque dovrà essere attuata di concerto con le rappresentanze dei lavoratori, posto che, nel caso di specie, sussistono comprovate ragioni di sicurezza e l’impianto riguarda non i luoghi strettamente deputati allo svolgimento dell’attività lavorativa.

Chiunque può chiedere al titolare del trattamento, in questo caso la banca, che siano cancellati i suoi dati personali (immagini), qualora non siano più necessari in relazione agli scopi per i quali erano stai raccolti.
Qualora l’istituto di credito conservasse le immagini oltre il tempo indicato nell’informativa, e senza altri fini espressamente contemplati (es.indagini giudiziarie in corso, per rapina), l’interessato potrà, dunque, chiederne e ottenerne la cancellazione gratuita.

Si, è possibile, ma tale attività dovrà rispettare le regole previste dal Codice della privacy, nonché, il decalogo della videosorveglianza disposto dal Garante.
In particolare, si dovrà cercare di limitare la possibilità di ingrandimento delle riprese, al fine di evitare di riprendere i tratti somatici dei passanti. Non si potrà, inoltre, inviare le riprese alla residenza delle persone eventualmente sanzionate.

Il Garante della privacy, con provvedimento del 29 novembre 2000, ha individuato un decalogo che deve essere rispettato da tutti coloro che intendono svolgere attività di videosorveglianza. Il decalogo contiene le seguenti regole:

  1. individuare le finalità della sorveglianza e la compatibilità della stessa con le norme di settore vigenti;
  2. rispettare i principi di correttezza e liceità del trattamento;
  3. effettuare, se dovuta, la notificazione al Garante;
  4. fornire agli interessati una chiara e completa informativa;
  5. non violare il divieto di controllo a distanza dei dipendenti sancito nello statuto dei lavoratori;
  6. registrare le sole immagini indispensabili per perseguire lo scopo dichiarato, evitando, per quanto possibile, immagini dettagliate o ingrandite;
  7. individuare il periodo massimo di conservazione delle immagini;
  8. nominare i soggetti responsabili ed incaricati del trattamento;
  9. non utilizzare i dati raccolti per altri scopi;
  10. per le telecamere situate agli accessi dei centri storici, o delle zone a traffico limitato, rispettare le disposizioni contenute nel D.P.R. 250/1999.

In primo luogo, dovranno essere determinate le zone in cui saranno installate le videocamere e le modalità di ripresa. Le riprese dovranno consentire un’inquadratura panoramica dell’interno delle vetture o dell’area di fermata, evitando, così, i dettagli.

Le immagini visionate per finalità di polizia giudiziaria non potranno assolutamente essere utilizzate per altri scopi e dovranno essere conservate per il tempo strettamente necessario al perseguimento delle suddette finalità e nel pieno rispetto delle misure minime di sicurezza descritte dall’Allegato B del Codice della privacy (D.lgs. n.196/2003).

Il titolare del trattamento dovrà fornire una completa ed idonea informativa agli interessati (art. 13 del Codice), anche attraverso l’affissione della stessa sulle vetture e alle fermate dell’autobus.

Si segnala comunque che, prossimamente, dovrà essere adottato, ai sensi dell’art. 134, un Codice di deontologia e buona condotta in cui saranno specificate le modalità del trattamento e forme semplificate di informativa.

Videosorveglianza e tecnologie

Quad-Stream (letteralmente “quadruplo stream”) indica la trasmissione contemporanea, e pertanto anche l’uscita in parallelo, di quattro differenti formati di dati video. Generalmente si tratta dei formati MPEG4, MJPEG, H.264 e 3GPP. Grazie ai quattro live stream paralleli, è possibile scegliere lo stream adatto alla larghezza di banda o alla tecnologia del terminale (ad es. bassa risoluzione nella visualizzazione su smartphone rispetto agli schermi ad alta risoluzione). Ciò permette di ridurre la larghezza di banda nella trasmissione dei dati mobili, ma consente anche contemporaneamente di visualizzare dettagli ad alta risoluzione sui relativi terminali video.

In presenza di condizioni di luce variabili consigliamo l’impiego di obiettivi auto-iris. Essi adattano il diaframma automaticamente alle condizioni di luce per garantire sempre immagini con luce ottimale.

Le telecamere di rete (dette anche “telecamere IP”) trasferiscono i dati delle immagini direttamente in rete e sono comandate direttamente tramite un indirizzo di rete (indirizzo IP).

Le telecamere di rete comprendono, oltre a un modulo telecamera, un server web, che si occupa della compressione e della trasmissione dei dati in rete.

I sistemi di trasmissione sono preferibili laddove non è possibile o non auspicabile allestire un sistema cablato. La trasmissione dei dati avviene senza costi nella banda radio HF a 2,4 GHz o 5,8 GHz. I sistemi di alta qualità garantiscono campi radio fino a 2.200 metri in aree esterne e fino a 125 metri in ambienti interni (in situazioni ottimali). Possono essere collegati in parallelo fino a nove radiotrasmettitori all’interno di un immobile.

Le buone videocamere dispongono di commutazione automatica dalla modalità colore alla modalità bianco-nero. Non appena si scende al di sotto di una determinata intensità di luce, la telecamera commuta automaticamente ed è in grado di registrare le immagini video anche al buio.

Certe telecamere possono anche essere utilizzate con i raggi infrarossi. Un proiettore a infrarossi trasmette la luce invisibile all’occhio umano, che consente alla telecamera di fornire buone immagini anche in totale assenza di luce.

I Digital Video Recorder non sono dei semplici videoregistratori come quelli VHS che nei primi anni novanta erano presenti in tutte le nostre case, si tratta di apparecchi molto moderni ed avanzati che filtrano le immagini provenienti dalle nostre telecamere e poi le archiviano nel loro Hard Disk interno. I DVR hanno inoltre tutta una serie di software installati che intendono facilitare il lavoro di monitoraggio ed implementare sistemi di sicurezza più avanzati. Una delle funzioni che sicuramente risulta utile di questi apparecchi è la Motion, con la quale in buona sostanza si può registrare soltanto ciò che interessa eliminando ore ed ore di registrazioni totalmente superflue.

SOLO CIÒ CHE CI INTERESSA

La Funzione Motion si può impostare direttamente dal DVR utilizzando i parametri di configurazione, esso consiste nell’ordinare all’apparecchio di registrare solamente quando si è in presenza di movimento tralasciando tutto il resto. Questo porta naturalmente a due enormi vantaggi che sono una grande riduzione dello spazio necessario sull’Hard Disk per le registrazioni e soprattutto la riduzione del tempo necessario per visionare tutti i video ritenuti interessanti.

Il primo elemento di vantaggio è, se vogliamo, trascurabile, dobbiamo infatti sottolineare che al giorno d’oggi i DVR hanno Hard Disk capaci di registrare sino a 30 giorni consecutivi e quindi il risparmio di spazio può anche essere assolutamente marginale, non è però per nulla superfluo il fatto di eliminare ore ed ore di video sul nulla consentendo in questo modo di visionare tutti i filmanti in un tempo che è enormemente minore rispetto a quello che si impiegherebbe senza questa funzione, anche utilizzando il playback accelerato.

FUNZIONI AVANZATE

Abbiamo parlato della Funzione Motion di base senza sino ad ora considerare altre possibilità offerte dai moderni DVR, i parametri di configurazione più avanzati ci danno infatti la possibilità non solo di ordinare al registratore di catturare esclusivamente le immagini in movimento, possiamo infatti anche specificare determinate zone nelle quali rilevare i suddetti movimenti nonché regolare i valori di sensibilità della utilissima funzione Motion (e questo è possibile farlo per ciascuna telecamera in funzione).

Questo può sembrare un inutile orpello ma è in realtà qualche cosa di molto importante, possiamo infatti facilmente pensare ad una casa dove è presente un animale domestico oppure una ambientazione esterna che soffrirebbe per il fruscio degli alberi o dei cespugli, andando a registrare costantemente di fatto annullando qualsivoglia utilità della funzione.

Le telecamere di videosorveglianza sono elettroniche ma togliendo questo particolare possiamo senza dubbio accumunarle all’occhio umano, anche queste ultime infatti hanno un loro limite e possiedono una loro capacità di visione oltre la quale non possono andare oppure vanno ma subendo delle limitazioni a ciò che possono inquadrare al dettaglio.

Quando si progetta la costruzione di un sistema di videosorveglianza bisogna tenere a mente, oltre ad altri parametri, anche quello della distanza oltre la quale l’occhio della telecamera non riesce ad andare. Si tratta di un parametro di una grande importanza perché come vedremo oltre determinate distanze la telecamera è in alcuni casi completamente inutile ed inutilizzabile.

OCCHIO AL VISO!

Mettiamo subito sul piatto i freddi numeri, la maggior parte delle telecamere può riprendere sino ad una distanza di 50 metri ma qui bisogna però cominciare a fare delle distinzioni importanti. Quando si misura la distanza bisogna sempre tenere in conto di poter distinguere il volto di una persona, ossia è sempre importante che la distanza non vada ad inficiare il riconoscimento di un dettaglio importante come può esserlo il volto. Se noi infatti aumentiamo l’ingrandimento e vediamo solamente un cumulo di pixel sicuramente la distanza sarà troppo elevata.

Dai 10 metri di distanza in avanti solamente le telecamere dalle più alte risoluzioni e con gli zoom ottici più potenti riescono ad evitare che l’immagine sgrani troppo, tuttavia bisogna anche considerare due fattori: in un sistema di sorveglianza come può essere quello domestico riconoscere il volto a distanza non ha tutta questa rilevanza ed inoltre i soggetti inquadrati, proprio perché la telecamera protegge presumibilmente un obiettivo sensibile, tenderanno inevitabilmente ad avvicinarsi entrando in un raggio di visuale minore sino a rendere infine ben riconoscibile il volto.

CONSIDERAZIONI

La distanza dunque ha maggiore rilevanza per i monitoraggi più professionali, quelli che si possono approntare per la sicurezza di luoghi pubblici ed aeroporti, per il resto come abbiamo visto sino ad una distanza di 50m l’occhio di una telecamera, anche con risoluzione non elevata, arriva senza però permettere la distinzione dei dettagli. Le telecamere professionali come alcune Megapixel, HDTV e Speed Dome, sono solitamente molto più performanti e necessitano di personale umano che dalla apposita console decide come roteare l’obiettivo e come stringere od allargare lo zoom a seconda dei dettagli che devono essere catturati ai fini della sicurezza.

La videosorveglianza in internet è sempre al centro di un feroce dibattito tra coloro che la ritengono il futuro e tra chi invece ritiene che internet possa essere un grosso problema per la sicurezza del proprio sistema di videosorveglianza. Partiamo da un punto fermo, chi sostiene che un hacker potrebbe entrare nel sistema di sicurezza non mente.

Qualche tempo fa un abilissimo hacker è riuscito a penetrare le difese del Pentagono violando il sistema di sicurezza sul Web ma dobbiamo comunque sottolineare che questo richiede moltissimo tempo e delle conoscenze non comuni alla maggior parte delle persone. Insomma la videosorveglianza su internet non potrà mai essere sicura al 100% tuttavia non è nemmeno così facile penetrare le resistenze ed hackerare il sistema, perché ci vogliono tempo, tecnologie adatte e molte conoscenze informatiche.

CONSIGLI DI SICUREZZA

Insomma il sistema può essere penetrato ma in ogni caso c’è sempre la possibilità di elevare la sicurezza superando alcune semplici regole. In primo luogo il DVR, è sempre il caso di acquistare un sistema di ultima generazione sufficientemente avanzato da garantire la creazione di una rete con una protezione di base giù elevata; in secondo luogo è bene non utilizzare mai la porta 80, stiamo parlando della porta utilizzata comunemente per l’accesso ad Internet e cambiarla potrebbe rendere la vita molto difficile al vostro nemico perché per entrare nel sistema dovrà necessariamente sapere quale porta utilizzate per la rete; l’ultimo accorgimento, nonché il più banale, è quello di cambiare ad intervalli regolari la password utilizzando nella sua composizione lettere e numeri.

HACKER E LORO INTERESSI

Anche solo utilizzando questi piccoli accorgimenti costringiamo l’eventuale hacker a conoscere o tentare di ricavare la password, inoltre deve necessariamente sapere l’indirizzo IP della rete creata e la porta utilizzata per la connessione; insomma parliamo di problemi non da poco e possiamo dire che un hacker può avere interesse a penetrare in sistemi ben diversi da quello di telecamere che sorveglia una casa! Quel che si intende sottolineare è che l’eventuale hacker dovrebbe avere un serio e valido motivo per lavorare ad un modo di penetrare le vostre difese spendendo parecchio tempo e fatica in questa attività.

CONCLUSIONI

Insomma un sistema di videosorveglianza su internet rimane una alternativa validissima, è comodo perché può essere regolato e controllato da remoto anche da dispositivi come Smartphone o Tablet, è facile da usare perché si può gestire dal computer di casa ed è più potente perché possiamo utilizzare moltissimi software per ampliare il servizio offerto dalle nostre telecamere di sorveglianza. Insomma la remota possibilità di essere forzato da un hacker non può essere motivo sufficiente per non dotarsi di una videosorveglianza di questo tipo.

I videoregistratori digitali multivisione, o anche digital video recorder, sono un po’ il cuore di ogni impianto di sorveglianza a circuito chiuso. Se infatti le telecamere sono l’occhio vigile che cattura i movimenti sospetti e quant’altro sono proprio questi apparecchi che ci permettono non solo di vedere ma anche di registrare quello che ci interessa. La prima grande differenza riguarda i canali di registrazione, ossia il numero di telecamere che è possibile connettere tramite cavo coassiale, solitamente i canali possono essere quattro, otto oppure sedici.

IL VIDEOREGISTRATORE ADATTO ALLA PROPRIA ESIGENZA

Naturalmente ciascun apparecchio si differenzia dall’altro non solo per i canali di registrazione ma anche per gli algoritmi di compressione con i quali i video vengono compressi per essere poi archiviati. E’ bene ricordare che le telecamere di ultima generazione ad alta definizione, o megapixel, devono necessariamente essere accompagnati da videoregistratori digitali capaci di supportarli appieno senza castrarne alcune caratteristiche, non permettendo poi funzioni quali lo zoom o la cattura dei dettagli dei fotogrammi ad alta definizione.

Molto importante è anche la presenza o meno dell’hard disk. Non tutti gli apparecchi di questo genere sono infatti provvisti di hard disk interno ma questo è assolutamente indispensabile per archiviare i video, se questo non è presente infatti si dovrà comprarne uno a parte e collegarlo al proprio videoregistratore digitale ed è dunque bene valutare la sua presenza prima dell’acquisto perché è possibile che un costo minore non sia giustificato visto che poi bisognerà spendere dei soldi per acquistare un hard disk. Molti di questi apparecchi, si badi, possono altresì essere collegati al proprio personal computer per gestire ed archiviare i video con più facilità.

IL SALTO IN INTERNET

Esistono poi apparecchi simili dotati di schede di rete che possono essere utilizzati per una videosorveglianza IP, creare una rete locale con la quale gestire telecamere e quant’altro ha molti vantaggi e ci permette di controllare Live i video di sorveglianza anche da terminali come il proprio smartphone oppure il proprio tablet. Non esiste naturalmente un videoregistratore digitale multivisione più o meno consigliato in quanto i diversi modelli, lo abbiamo visto, presentano diverse caratteristiche; quello che però vi consigliamo è di valutare bene l’acquisto soppesando tutte le variabili e non dimenticando le proprie necessità.

Prima di illustrare come funziona un DVR di videosorveglianza, è necessario capire di cosa si tratta. Il DVR (Digital Video Recorder) è un videoregistratore digitale che gestisce i filmati per il controllo, la registrazione e l’archivio dei video dalle telecamere al disco fisso. Il mercato offre diverse tipologie di DVR, le quali si differenziano per prestazioni, numero di ingressi video e per la capacità di inviare immagini mediante il web o la rete LAN.

Il funzionamento di tutti i videoregistratori digitali si basa su due caratteristiche principali: la compressione e la digitalizzazione del video. Andiamo ora a descrivere come funziona un DVR di videosorveglianza.

Per ottenere un risultato ottimale è fondamentale la scelta dell’algoritmo di compressione. Il videoregistratore digitale codifica e decodifica le immagini tramite i codec video, che sono apparati basati su modelli matematici; tali codici sono indispensabili per comprimere i flussi video, i quali contengono un gran numero di informazioni da inviare. Di conseguenza, per archiviare tali dati su hard disk e trasmetterli mediante internet, è necessaria una compressione non indifferente. I DVR tecnologicamente più avanzati sono dotati di processori potenti e di hard disk molto capienti. I codec più utilizzati sono l’H.265, l’H.264, l’MJPEG e l’MPEG-4.

La registrazione digitale viene effettuata su disco fisso che, in base ai modelli, può anche essere estraibile. La capacità dell’hard disk varia in base alla scelta del fornitore. Il numero degli HD che possono essere inseriti internamente al DVR può andare da 1 a 8, assicurando così diverse ore e giorni di registrazione. La velocità della registrazione si misura in semiquadri al secondo (fps). I videoregistratori digitali più performanti raggiungono 50 fps per canale con un fattore di qualità elevato.

La visualizzazione in tempo reale dei video è invece espressa in field al secondo. Il tempo reale riguarda la visualizzazione a 25 fps. La funzione registrazione, o play back, è necessaria per riprodurre i fatti differiti. La ricerca si effettua sul menù che consente di richiamare gli eventi per tipo di allarme, sensore o motion, per ora e per data. Le copie di immagini e video, dette anche “back up”, sui supporti esterni del DVR, sono necessarie qualora i dati riguardanti un particolare evento debbano essere duplicate.

Il DVR di videosorveglianza può essere, secondo la modalità di funzionamento, Simplex, Duplex, Triplex e Multiplex. La prima tipologia riguarda i dispositivi che possono svolgere un’unica funzione per volta; il funzionamento Duplex indica due apparati Simplex assemblati, che consentono di effettuare due funzioni in simultanea, quali la visualizzazione multi schermo e la videoregistrazione codificata; infine, la modalità Triplex è una tecnologia sviluppata nei DVR moderni, la quale consente di svolgere, in contemporanea, tre funzioni, quali la registrazione degli eventi, la successiva riproduzione e l’invio dei dati tramite il web. Ai videoregistratori digitali viene associato l’indirizzo IP. Il filmato viene inviato via internet mediante uno streaming video.

I ricercatori hanno sviluppato molti studi per carpire come funziona e può funzionare al meglio un DVR di videosorveglianza. Si è avuto, come risultato l’ottimizzazione della compressione relativa ai filmati, al fine di ridurre al minimo la perdita della qualità.

Le telecamere a colori (parliamo dei sensori CCD/CMOS) sono in grado di percepire la luce nelle sue componenti. In particolare sia la luce Visibile che l’Infrarosso. Tale caratteristica può determinare una variazione della percezione del Colore di giorno. Si utilizzano allora dei Filtri IR (MECCANICI – IR-CUT) per far si che l’infrarosso non arrivi al sensore CCD/CMOS durante il giorno (o nel caso di forti fonti di luce durante la notte), oppure si utilizza un Filtro ELETTRONICO. Nel caso di Filtri Elettronici IR l’operazione del filtraggio avviene elettronicamente. In questo caso viene modificato il comportamento di alcuni circuiti elettronici che elaborano i colori e i parametri di esposizione. Tale operazione risulta però meno performante rispetto al filtro meccanico, creando una serie di problematiche che possono determinare a volte la variazione del nero così come di altri colori. Tale tipologia di filtro viene usata per telecamere a basso costo, contribuendo a immagini di media qualità.

Registrazione

Che si tratti di telecamere da immersione, micro o da incasso, con i server video di ABUS potete mettere rapidamente e semplicemente in rete anche i video stream e gli audio stream della vostra telecamera speciale. In questo modo risparmierete i costi di una nuova installazione nonché l'acquisto di una nuova telecamera e godrete di affascinanti riprese, indipendentemente dall'ora e dal luogo.

Ciò significa che le immagini live con audio possono essere richiamate ovunque nel mondo tramite telefono cellulare. Contemporaneamente i dati delle immagini sono salvati in alta risoluzione nel computer tramite il software del registratore.

La compressione dei dati video genera una riduzione della dimensione dei file di filmati video e pertanto velocizza la trasmissione dei dati rispetto ai formati video non compressi, richiedendo quindi meno spazio di memoria per la registrazione. Esistono diverse procedure di compressione, tra cui le più utilizzate sono MPEG e MJPEG.

Esempi di procedure di compressione:

La compressione MPEG funziona secondo il seguente principio: nella sequenza di immagini di un filmato video la maggior parte dei dati delle immagini sono identici e non devono essere completamente memorizzati per ciascuna immagine. Il MPEG Codec forma i cosiddetti gruppi di immagini, in cui la prima immagine chiave viene memorizzata in modo esatto, mentre le seguenti sono interpretate. Per consentire un’elevata compressione dei dati, il taglio del video è tuttavia possibile solo nelle immagini chiave.

Con la compressione MJPEG (=MotionJPEG) viene invece compressa con JPEG ogni singola immagine indipendentemente dal movimento. In questo modo un videoclip viene codificato come una sequenza di immagini JPEG e il taglio del video è possibile in ogni immagine. La qualità delle riprese video è elevata e corrisponde a 3 MB/sec. in circa S-VHS. Le videocamere digitali utilizzano per lo più lo standard MJPEG.

Altri tipi di compressione sono ad es.: MPEG-1, MPEG-2, MPEG-4, H.263, H.264/AVC, H.265

Si possono registrare immagini di telecamere analogiche e di telecamere di rete su un unico registratore. A un sistema possono essere collegate tanta telecamere in base al modello di videoregistratore. Le immagini video possono essere contemporaneamente analizzate in diretta, riprodotte, registrate e salvate in rete. La durata della registrazione dipende dalla qualità dell’immagine, dal numero di telecamere installate e dalla capacità del disco rigido. (Vedere anche “Cos’è la compressione video?”)

Assistenza

Se le telecamere non trasmettono più il segnale al DVR/NVR prima di contattare l’assistenza potrete effettuare alcune semplici prove: ANALOGICHE/HD/SDI/IP:

– controllare che il problema non sia dell’alimentatore (sostituendolo con uno funzionante)
– controllare che i connettori sia di alimentazione che video siano correttamente collegati
– controllare che la telecamera alimenti gli infrarossi IR
– controllare che lo switch sia funzionante (in caso di collegamento a switch)
– controllare le porte PoE del NVR/Switch che lampeggino (con NVR PoE con o senza led)
– verificare che i led si accendano

Se i dati dell’alimentatore (VOLT e AMPERE) soddisfano le richieste di alimentazione del DVR, NVR, TELECAMERA TVCC (come specificato nella scheda tecnica di tali dispositivi TVCC), il problema è da ricercare sul DVR, NVR, TELECAMERA

La causa potrebbe essere la frequenza non supportata dal televisore / monitor rispetto alla frequenza del DVR/NVR, consigliamo in primis di provare a cambiare monitor/televisore e poi successivamente provare anche a cambiare il cavo così da accertarsi che la causa non possa dipendere da altro NON dipendente dal DVR

La causa potrebbe essere l’elevata risoluzione impostata sul registratore non supportata dal televisore/monitor, si consiglia quindi di accedere al DVR con una delle altre uscite disponibili (BNC/VGA/HDMI) e ridurre la risoluzione d’uscita video (solitamente si trova nelle impostazioni), questo potrebbe portare il televisore/monitor alle frequenze supportate, e quindi rendere visibili le immagini, (provare risoluzioni come il 1024×768 o 1280×720)

Verificare che il DVR, NVR e le TELECAMERE siano correttamente alimentati e che i cavi di connessione video siano connessi ben saldi.

Verificare che le telecamere connesse al DVR, NVR siano compatibili con lo stesso (ad esempio DVR analogico + telecamere analogiche) Telecamere con tecnologia differente da quella del DVR non risulteranno visibili (ad esempio telecamere HDCVI su DVR analogico).

Verificare che il DVR, NVR supporti il formato delle telecamere collegate (ad esempio DVR 720p non supporta telecamere a 1080p).

Verificare se la telecamera viene correttamente alimentata ponendo la mano davanti al sensore in modo da far azione gli illuminatori IR. Se gli illuminatori non si accendono verificare che l’alimentatore sia funzionante e che l’eventuale cablaggio non sia interrotto.

Se il DVR, NVR non si accende, provare a sostituire l’alimentatore.

Scollegare la batteria tampone presente all’interno del dispositivo e lasciarlo privo di alimentazione per un paio d’ore

Verificare dopo aver collegato l’alimentazione che il tasto di accensione/spegnimento del DVR, NVR sia settato su ON

Provare a scollegare l’HARD DISK dal DVR, NVR e verificare che il dispositivo si accenda. Se si accende sostituire l’HARD DISK.

In caso di blocco o blocchi randomici del dispositivo è consigliabile eseguire un reset dal menù del DVR / NVR in modo da riportare i settaggi alle impostazioni di fabbrica. Se il problema non dovesse risolversi, provare a scollegare la batteria tampone presente all’interno del prodotto e lasciarlo privo di alimentazione per un paio d’ore. Eseguire eventualmente un aggiornamento del firmware richiedendolo al produttore.

La lettera “N” presente nel riquadro della telecamera collegata al DVR, indica il tipo di formato impostato sulla telecamera (NTSC). Per fa visualizzare le immagini al DVR bisogna agire sul controller UTC presente sul cavo (o con controller esterno) per settare le telecamere in formato PAL.

Per regolare la focale e la messa a fuoco della telecamera bisogna agire sulle 2 viti presenti sulla stessa. Su telecamere Bullet sono solitamente posizionate sulla parte bassa della telecamera o sul retro. In alcuni casi per effettuare tale regolazione, se non vi sono viti visibili esternamente, bisogna svitare il cupolino frontale e agire sulle viti presenti sull’obiettivo. In caso di telecamera Dome, fatta eccezione per alcuni modelli dove le viti sono presenti esternamente sulla parte frontale della stessa, come prima operazione bisogna smontare la ghiera di fissaggio sulla parte inferiore della telecamera. Successivamente agire sulla telecamera svitando il cupolino frontale per raggiungere le viti di regolazione.

Accessori

I monitor TFT si basano sull’impiego di transistor a pellicola sottile (in inglese: thin film transistor, abbreviato TFT). Si tratta di speciali transistor a effetto di campo, con i quali possono essere create ampie commutazioni elettroniche. L’immagine viene generata quando il laser incontra il sottile strato di silicio.